turn it green

Logo FBTurn it Green (Storie dalla Terra) è un programma radiofonico a puntate, trasmesso sulla webradio uRadio.org e nato a partire dalle attività di Greening USiena, che ha come filo conduttore il tema del rapporto tra uomo e natura. Non si tratta di un talk di argomento prettamente scientifico-economico-politico, ma piuttosto di una narrazione coinvolgente che tocca letteratura, arte, filosofia, temi ambientali e storie provenienti da ogni parte del mondo, con lo scopo di creare un’atmosfera di riflessione ma anche di grande fascinazione, che dimostri come il suddetto rapporto sia inscindibile, risalente, interdisciplinare (e di grande valenza culturale), e meritevole di essere difeso. Autori e conduttori del programma sono il coordinatore del network Dario Piselli ed Ivan Bececco.

Dal 18 ottobre è cominciata la seconda stagione, in onda ogni venerdì alle ore 18.00 ed in replica il lunedì successivo alle 15.00 (con in più la possibilità di ascoltare i relativi podcast alla pagina mixcloud di uRadio), e dal 9 dicembre allo show si è aggiunto un blog su cui proponiamo di approfondire alcune delle questioni trattate e divulgare la conoscenza delle più interessanti proposte musicali dal mondo, con particolare attenzione a world music, worldbeat, elettronica, jazz; lo potete trovare all’indirizzo http://storiedallaterra.wordpress.com.

find-us-on-facebook


___________________________________

Gli episodi della prima stagione

La prima stagione di Turn it Green, andata in onda da aprile a luglio 2013, a differenza di quella in corso seguiva un format ad episodi. Ciascuna delle nove puntate che la componevano toccava argomenti diversi e si concentrava su aspetti peculiari del tema sostenibilità, analizzandoli in maniera particolareggiata. Alla pagina mixcloud di uRadio (nonché in fondo a questa) è possibile reperire i podcast corrispondenti. Buon ascolto!

Episodio 1 (03/05/2013) – Atlantis

Il viaggio di Turn it Green inizia da Atlantis, riflessione su come urbanizzazione, città, architettura, consumo di territoriomichael-melford-book-hidden-alaska-river_33611_600x450 influiscono sulle nostre vite e sulla nostra società tramite l’alterazione dell’ambiente naturale. Vi racconteremo di Alberto Magnaghi e della scuola territorialista, delle esperienze degli architetti Terunobu Fujimori e Mike Reynolds ed ancora di commercio di legname, deforestazione, dissesto idrogeologico. Il nostro percorso toccherà le provocatorie installazioni dell’artista finlandese Tea Makipaa capaci di aprire una finestra sull’invisibile e mostrarci le storture dei moderni modelli di consumo, ma anche i pensieri profetici di Henry David Thoreau sui materiali da costruzione utilizzati per le città, ed ancora il viaggio intorno al mondo di Roger Deakin alla scoperta del rapporto tra uomo e legno. Nella colonna sonora della settimana Bassekou Kouyate, Uochi Toki, Andrew Bird ed i Buena Vista Social Club!

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio 2 (17/05/2013) – Sopravvivere allo sviluppo

La seconda puntata di Turn it Green fa un passo indietro rispetto ad Atlantis e decide di compiere un viaggio antropologico, Cover Puntata per Puntatasociologico e culturale attraverso il tempo e lo spazio, alla ricerca di una risposta alla domanda presa a prestito dal documentario Surviving Progress: “rendere le scimmie più intelligenti è  un vicolo cieco evoluzionistico?“. In un’epoca in cui è ormai stridente il contrasto tra l’espansione incontrollata della civiltà umana e la finitezza delle risorse naturali disponibili sul pianeta, infatti, ogni ragionamento sulle politiche ambientali e sociali necessarie a limitare la devastazione della biosfera deve porre in primo luogo l’esigenza di un cambiamento di prospettiva nel modo in cui guardiamo al concetto di ‘progresso’. Parleremo dunque di Surviving Progress e di Project Nim, altra pellicola che dice molto in tema di ‘animale uomo’, ma anche del progetto Timelapse, di impronta ecologica e di teorie del post-sviluppo. Per non dimenticare i densi riferimenti culturali e filosofici cui il tema rimanda, analizzeremo l’ambivalenza delle posizioni morali sull’industrializzazione, raccontando le storie di Theodore Kaczyinsky e dell’Earth Liberation Front, e soprattutto non ci faremo mancare grandi riflessioni letterarie, a partire da Luciano Bianciardi e dal postmodernismo americano. Infine, ci chiederemo se davvero quello dello sviluppo è un processo ineluttabile, ponendoci il problema della tutela delle popolazioni indigene e del riconoscimento di istanze alternative al modello economico dominante. Nella playlist settimanale, Remmi Ongala, Aurelio, Eddie VedderBooker T. Jones Zona MC.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio 3 (24/05/2013) – Maximum Consumption

Il nostro rapporto con il cibo è esemplificativo degli squilibri sociali ed ambientali che la moderna società dei consumi ha causato e Cover Puntata per Puntata2continua a causare. Da qui comincia la storia di Maximum Consumption, un riferimento alla fame atavica che senza soluzione di continuità sembra caratterizzare tanto la civiltà occidentale quanto le emergenti economiche asiatiche. Il terzo episodio di Turn it Green si interrogherà dunque sulle conseguenze che l’attuale consumo indiscriminato di beni alimentari provoca a livello globale, analizzando il problema della suggestione all’acquisto ma anche quello del food system e della produzione. Racconteremo poi le storture della moderna agricoltura intensiva, sia dal punto di vista dell’impatto sulle persone che da quello dell’impronta ecologica, e citeremo le esperienze descritte da personaggi del calibro di Raj Patel Vandana Shiva nei loro saggi. Non mancherà una riflessione di tipo morale sull’allevamento intensivo di animali (con riferimenti a Jonathan Safran Foer, David Foster Wallace e Peter Singer) e sullo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche, nonché -infine- uno sguardo di speranza sulla possibilità di nutrire la crescente popolazione mondiale senza nel frattempo distruggere il pianeta. La playlist della settimana includerà brani di RoyksoppKokolo, The Leisure Society, Ojos de Brujo Bob Marley.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio 4 (31/05/2013) – C’est Quoi l’Ocean?

Non c’è forse bisogno di ricordare quanto il mare abbia rappresentato, lungo tutta la storia dell’uomo, una fonte di irriducibile 1meraviglia ed allo stesso tempo di inspiegabile mistero. Eppure, quel mare che ci è parso così a lungo infinito ed immutabile, quel mare che garantisce la vita stessa sulla terra, ha subito e continua a subire le conseguenze dello sviluppo tecnologico, del commercio su scala globale, della sete di energia della nostra civiltà, vedendo alterati i suoi equilibri e quelli delle creature che lo abitano, senza che molti di noi se ne accorgano. Da qui la domanda, tratta dallo splendido documentario Océans: cos’è veramente l’oceano? La quarta puntata di Turn it Green partirà proprio dal fascino alieno che le profondità marine hanno esercitato sulla cultura umana e da pionieri della biologia marina come William Beebe per arrivare ai più gravi problemi che caratterizzano oggi il nostro rapporto con gli oceani del mondo, passando per le testimonianze di Jacques Cousteau e Rachel Carson; parleremo della bellezza silenziosa di specie che rischiano di scomparire, ma anche di acidificazione degli oceani, di inquinamento e di impatto ecologico della navigazione, fino a raccontare il dramma, ancora troppo spesso ignorato, della pesca eccessiva. Infine, rifletteremo sul rapporto tra comunità costiere ed alterazione dell’ambiente marino, chiedendoci se l’uomo, ancora oggi, non abbia ben compreso quanto la sua vita dipenda da ciò che sta sotto la superficie degli oceani. Nella playlist settimanale, Totò la Momposina, Cabezas de Cera, Melody Gardot, Fabrizio de Andrè e Gabby Pahinui.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio  5 (07/06/2013) – Green Highways

La quinta puntata di Turn it Green lascia per un attimo da parte gli aspetti scientifici sui quali si è concentrata negli ultimi due Puntata 5episodi per abbracciare alcune riflessioni culturali, artistiche e letterarie, alla scoperta del connubio indissolubile tra i concetti di viaggio, libertà e natura. Tutte le esperienze selezionate per questo episodio seguono infatti un percorso, potremmo dire spirituale, di liberazione dell’uomo dagli schemi mentali imposti dalle società di appartenenza, volto ad abbracciare la semplicità dell’esistenza e la bellezza del nostro pianeta. Da una parte, affronteremo i più classici esempi di opere on the road, ripercorrendo i piccoli villaggi ed i paesaggi sterminati  raccontati da William Least Heat-Moon in Strade Blu e seguendo la fuga di Christopher McCandless cui si è ispirato Sean Penn per il film Into the Wild, dall’altra ci confronteremo con paesaggi più ‘esotici’, volando prima nel Giappone del Seicento per viaggiare con il poeta Matsuo Basho e poi a Tahiti per riscoprire la sottovalutata Noa Noa, autobiografia della vita polinesiana del pittore francese Paul Gauguin. Della colonna sonora della settimana fanno parte i Two GallantsSiba e a FulorestaCharlie MusselwhiteSamba TourèGeorge Telek.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio 6 (14/06/2013) – Antropocene

La progressiva ed allarmante erosione della biodiversità è forse il punto centrale, o comunque maggiormente rilevante, della crisi Antropoceneambientale che minaccia il nostro pianeta. Tutti i fattori antropici che caratterizzano questa epoca ormai definita appunto ‘antropocene’ dagli scienziati, dai cambiamenti climatici alla scomparsa degli habitat selvaggi, dall’agricoltura all’inquinamento, producono infatti  incalcolabili danni proprio sulla diversità biologica, che rende possibile la vita sulla terra. In questa puntata di Turn it Green proveremo a spiegare quali sono in dettaglio le cause e le conseguenze della ‘sesta grande estinzione’, partendo dal concetto di evoluzione e dal ruolo delle specie nella regolazione degli equilibri ecologici ed esaminando i più immediati problemi da risolvere, senza dimenticare le testimonianze e gli studi di personaggi come Charles Darwin E.O. Wilson ma soprattutto raccontando storie ed esperienze di alterazione della biodiversità. Infine, rifletteremo sull’importanza che hanno le politiche di conservazione, con riferimento sia alla cosiddetta mega-fauna carismatica sia alle specie (la maggioranza) che ancora non sono state neppure scoperte. Nella colonna sonora settimanale, GorillazDevendra BanhartNuru Kane, Razia Said Umalali.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio 7 (21/06/2013) – Mountains and Rivers Without End

Cover Puntata per PuntataLa settima sarà una puntata inedita di Turn it Green: approfittando delle tensioni umanistiche che da sempre ci contraddistinguono, infatti, Mountains and Rivers Without End ritornerà su molti dei temi che abbiamo affrontato nelle scorse settimane, assumendo la veste di un flusso di coscienza di tipo filosofico e morale sul rapporto tra uomo, natura, scienza e tecnologia, così come esso si è sviluppato nel corso delle successive epoche storiche e come rischia di deteriorarsi ulteriormente nel futuro. Partendo dal trascendentalismo americano di Emerson e Thoreau per arrivare alla Deep Ecology di Arne Ness, passando per i riferimenti artistici di Gary Snyder e Mary Oliver, ma senza dimenticare testimonianze di tipo scientifico (ancora E.O. Wilson e Charles Darwin), ci confronteremo in modo dialettico e libero, evitando qualsiasi presa di posizione a priori, su concetti come antropocentrico, natura umana, sviluppo tecnologico per capire quanto c’è di utopistico e quanto invece di necessario in un diverso rapporto con l’ambiente che ci circonda. Fanno parte della playlist settimanale Family AtlanticaMonosweziFleet FoxesMilton Nascimento AfroCubism.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio 8 (28/06/2013) – The Tragedy of the Commons?

Cover Puntata per PuntataA causa della crescita esponenziale della popolazione mondiale e di uno sviluppo economico galoppante che in passato ha interessato l’Occidente ed oggi invece tocca i cosiddetti paesi emergenti, la società umana è divenuta una sorta di mostro insaziabile che per sopravvivere ha bisogno di continuare ad alimentarsi. La sua fonte di sostentamento è il pianeta e, in particolare, le sue risorse naturali. In questa puntata analizzeremo allora questo processo di sfruttamento e le sue conseguenze sugli ecosistemi. Parleremo di impatto ambientale e sociale delle miniere, ed in particolare della nuova frontiera del ‘seabed mining’, ma anche di petrolio, deforestazione, pesca eccessiva, risorse idriche. Ci chiederemo poi se ci può essere una soluzione a tale consumo incessante, analizzando le posizioni dei governi tra globalizzazione, privatizzazioni e nazionalizzazioni e chiedendoci qual è il ruolo della sovrappopolazione in questo fenomeno. Nella colonna sonora della settimana Mamane BarkaMax GazzèThe KinksNovalimaGeoffrey Oryema.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

Episodio 9 (12/07/2013) – L’incubo di Darwin

Cover Puntata per PuntataTurn it Green chiude la sua prima stagione con una puntata speciale, incentrata su un dialogo tra i due conduttori Dario e Ivan che rielaborerà in maniera critica e approfondita alcuni dei temi esaminati nel corso delle precedenti puntate, toccandone al contempo altri, in passato solo sfiorati, il tutto con un concetto bene in mente: il rischio che l’equilibrio dell’evoluzione venga spezzato definitivamente per mano di uno sviluppo insostenibile ed indiscriminato. In particolare, ci occuperemo di cambiamenti climatici e della percezione di questo fenomeno da parte dell’opinione pubblica e dei governi; dell’impatto degli stili di vita sul fabbisogno energetico della civiltà moderna; di globalizzazione, commercio, democrazia e sfruttamento, prendendo a punto di riferimento il documentario di Hubert Sauper che dà il titolo all’episodio; ed ancora, di questioni morali, di rapporto tra lavoro, sostenibilità e modelli sociali, della ragione di un impegno in campo ambientale e, infine, di antropocentrismo. Concluderemo, come si addice ad un programma dedicato al rapporto tra natura e cultura, con un occhio al futuro, ed all’eterno dilemma ottimismo/pessimismo, chiedendoci se davvero il singolo è del tutto impotente di fronte alla crisi del pianeta. Fanno parte della playlist settimanale Bibi Tanga & The Selenites, Andy Palacio & The Garifuna Collective, Ben Harper, Noir Desir Thomas Mapfumo & The Blacks Unlimited.

Guarda il riassunto della puntata per immagini qui.

___________________________________

Ascolta i podcast di Turn it Green, Storie dalla Terra su Mixcloud!
Il Teaser Trailer #1 – Atlantis #2 – Sopravvivere
allo Sviluppo
#3 – Maximum Consumption
#4 – C’est Quoi l’Ocean? #5 – Green Highways #6 – Antropocene #7 – Mountains and Rivers Without End
#8 – The Tragedy of the Commons? #9 – L’incubo di Darwin
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...